Categorie
Testimonianze D'Amore 2022

Catanzaro, l’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” ricorda i soci defunti

Testimonianze D’Amore 2022 in suffragio dei soci dell’Associazione Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore della città di Catanzaro

In questo particolare periodo dell’anno ci fermiamo per fare memoria dei nostri cari defunti; per il secondo anno abbiamo deciso di fermarci per ricordare e ricordarci il bene di tanti nostri soci per la Mission associativa. La nostra testimonianza vuole rendere ancora vivo ogni loro seme di bene che ha portato a scrivere tante pagine di storia drammatiche molte trasformate in lieto fine.

Desideriamo parlarvi di persone di indubbia personalità con grandi valori e di spiccata cultura; tuttavia ciò che, a nostro avviso, li ha resi unici è la loro profonda umiltà, il grande coraggio nel difendere contro tutto e tutti i diritti dei più deboli e il grande amore che ha animato ogni loro gesto, ogni loro attività per i bambini soprattutto quelli indifesi e bisognosi di cure e attenzioni.

È questo amore che nel 1985 ha mosso la prof.ssa Leonetti Rosaria, il prof. Cassadonte Agazio, il prof. Ameduri Antonio, l’ins. Scarfone Elsa, Rossi Maurizio, Gigliotti Saverio, la dott.ssa De Salazar Erminia verso la costituzione dell’Associazione “Tribunale per la Difesa dei diritti del Minore” con un solo desiderio tutelare i diritti dei minori e costruire per loro un futuro e una società migliore.

Nei primi dieci anni intraprendono una coraggiosa campagna di sensibilizzazione sui diritti dei minori attraverso segnalazioni pubbliche, interviste e lettere aperte rilasciate sui giornali, così come si evince da uno dei tanti articoli di stampa di quel periodo dove si parlava del rapporto con le Istituzioni competenti, prima fra tutti quella dei Servizi Sociali Comunali rivelatosi un interlocutore importante, del Tribunale dei Minorenni dove si  riscontrava disponibilità costruttiva da parte dei giudici.

Il seme gettato dai soci fondatori si espande e così entrano a far parte dell’Associazione tanti professionisti che decidono di ritagliare del tempo da dedicare ai bambini. “Un tempo” che, nonostante difficoltà, sfide di ogni tipo, non hanno mai sottratto pur di continuare a far “felici” i nostri bambini.

La nostra sede operativa, aperta tutti i giorni, inizia a offrire servizi di accoglienza, ascolto e sostegno a bambini e famiglie. A sostenere i gruppi operativi i soci Amato Anna Lucia e D’Amico Memma in prima linea nella difesa dei loro diritti davanti i giudici, costituendosi parte civile se necessario. I soci Leonetti Sara, Gigliotti Caterina, Catricalà Vincenzina, Scarfone Elsa, Muleo Teresa, Monaco Lilli, Rubino Gabriella, Tassoni Maria – in collaborazione con i Servizi Sociali Comunali – ricevono segnalazioni da “Filo diretto per l’infanzia”, sostengono i bambini attraverso laboratori di doposcuola creando, nel contempo, delle speciali relazioni di amicizia con tante famiglie anche attraverso visite domiciliari.

Con l’ingresso del prof. Libri Ugo appena pensionato da Preside del Liceo Scientifico “Siciliani”, il legame alla mission associativa con i soci Gigliotti Saverio e Ameduri Antonio cresce a dismisura. I tre assumono incarico pieno all’interno della nostra Associazione, diventando un vero e proprio “triumvirato” a difesa dei diritti dei minori, dedicando, in modo stabile, a essa tutto il resto della propria vita.

Il desiderio di essere accanto ai bambini e alle loro famiglie spinge i soci a intraprendere un nuovo cammino: la progettazione sociale iniziata con l’allora Presidente Ugo Libri e continuata dal Presidente Maurizio Rossi. Una scelta faticosa e ancora più impegnativa, ma che aumenta le possibilità di aiuto e di sostegno dei nostri piccoli assistiti. Gli album fotografici custoditi nella nostra sede rendono testimonianza di come un “atto di amore gratuito e spontaneo” può colorare di gioia e spensieratezza tante calde giornate estive offrendo occasioni di vacanze e di svago prima negate, può arricchire il tempo libero di tanti momenti culturali e formativi, può alleggerire momenti di stress e di paura di bimbi ricoverati nelle degenze ospedaliere, può creare occasioni di incontro, di socializzazione, di solidarietà nella nostra città.

Questo lungo abbraccio di amore tocca tanti cuori, ognuno sente il desiderio di offrire il proprio contributo in termini di consulenza come il nostro socio Caroleo Mario o come il nostro socio Merante Luigi che per diversi anni ha gestito la parte amministrativa contabile dell’Associazione. L’Associazione non ha mai abbandonato l’obiettivo di sensibilizzare Enti e Istituzioni, affinché prendessero in carico le varie segnalazioni/problematiche minorili ed ecco proprio in questa fase che come un fiume pieno di amore ha travolto tanti funzionari comunali come la dott.ssa Timpano Teresa, il dott. Melito Leonardo, il dott. Ferrara Maurizio che svestendosi del loro ruolo si sono affiancati alla nostra Mission con grande umiltà, impegno e partecipazione.

L’amore non conosce fine e vince anche su momenti drammatici così è successo al nostro socio Francesco Franzé, socio sostenitore per tanti anni e che da poco ha raggiunto la sua adorata piccola Aurora. Francesco ha donato gran parte dei giochi e di altro materiale della sua figlioletta scomparsa a bambini seguiti dalla nostra associazione, affinché quei materiali ritornassero a funzionare nella loro essenza regalando sorrisi e spensieratezza ad altri bimbi.

Un particolare ricordo vogliamo rivolgere a Saverio e Caterina Gigliotti che convinti che l’unico mezzo in grado di sollevare l’uomo e renderlo libero di spiccare il volo è la cultura, hanno dato vita alla Fondazione “Pina Gigliotti” rinunciando a quasi tutti i loro risparmi. La Fondazione – pensata da Saverio – come una costola dell’Associazione ha per obiettivo diffondere la cultura e sostenere economicamente alunni bisognosi e meritevoli nel percorso di studio.

Questi soci straordinari ci lasciano un prezioso testamento fatto non di parole, ma di opere. Azioni volte a rendere più vivibile il nostro territorio, atti per cercare di rendere i diritti accessibili a ognuno.

Non è necessario andare lontano, purtroppo storie di difficoltà, di disagio, di degrado sono a noi più vicine di quanto possiamo immaginare. Dovremmo impegnarci a dare visibilità a chi è invisibile, a dare voce a chi non riesce a comunicare ed esprimere il dramma che vive.

Il miglioramento delle condizioni è possibile se diventiamo parte attiva e non deleghiamo o aspettiamo che siano solo le Istituzioni ad agire. La responsabilità di tutto ciò che accade nella nostra società è di ognuno di noi! Singolarmente non possiamo fare molto, ma insieme si costruisce una comunità più giusta e integrante.

Se impariamo a gestire il nostro tempo in modo costruttivo possiamo fare cose meravigliose. Piccoli gesti, iniziative semplici che hanno dell’ordinario, ma che sono talmente significative da essere straordinarie!

Ciascuno di noi è prezioso ed è dotato di potenzialità. Il miglior modo di farle fruttare è donarle al servizio del prossimo.

Il lavoro di rete permette interventi più tempestivi, mirati e professionali. Spesso coloro che lavorano all’interno delle Istituzioni vengono visti come persone lontane dai bisogni reali della società. Se diamo voce a chi voce non ha, le soluzioni ai bisogni arrivano e potremmo essere meravigliosamente sorpresi dall’umanità che ci circonda.

Inoltre è fondamentale riuscire a dare a ognuno le stesse possibilità. Solo se all’interno della società tutti possono attingere, in egual modo, all’istruzione nessuna intelligenza verrà sprecata. È con la cultura che si opera il primo e più significativo miglioramento della società!

I soci che abbiamo voluto ricordare hanno gettato il seme, noi che stiamo cercando di proseguire il loro operato ne siamo i frutti. Desideriamo che quest’albero cresca e oltre ai frutti nascano i fiori! Per noi i fiori sono una società più solidale, integrante e giusta nella quale ogni bambino possa sentirsi amato, protetto, capito e supportato.

Categorie
Testimonianze D'Amore 2022

Corso di formazione per volontari: Clownterapia.

Iscrizioni aperte fino al 15 settembre 2022 per partecipare al corso di formazione per volontari sulla clownterapia che si terrà da ottobre 2022.

L’associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” della città di Catanzaro, nel mese di ottobre 2022 offrirà un corso di formazione per nuovi volontari. Il corso verterà sulla clownterapia, metodo di sollievo che trova le sue basi nella gelotologia (dal greco gelos = riso).

Il corso ha la funzionalità e l’obiettivo di andare a creare clown operanti nell’ambito ospedaliero, con specifica formazione e preparazione nei reparti di: oncoematologia pediatrica, pediatria e chirurgia pediatrica. Ulteriore obiettivo è quello di formare persone che possano essere a loro volta formatori nel percorso di clown ospedalieri. I clown e i formatori formati, avranno una preparazione adatta a operare non solo nei reparti dei più piccoli, ma anche negli altri reparti poiché la realtà clown è una realtà che opera a 360°.

Cosa offre:

  • la possibilità di fare esperienza e arricchire il proprio Curriculum Vitae;
  • la possibilità di crescere e arricchire la propria persona umanamente, emotivamente e culturalmente;
  • la possibilità di ricercare il proprio clown interiore;
  • la possibilità di valorizzare le proprie “debolezze” per trasformarle in un dono comico;
  • la possibilità di diventare cittadino attivo, che nel suo piccolo, contribuisce alla promozione di una comunità solidale;
  • la possibilità di sentirsi utile e gratificato facendo del bene;
  • la possibilità di sfruttare il proprio tempo in modo costruttivo;
  • la possibilità di vivere esperienze socializzanti in una società sempre più individualista;
  • la possibilità di effettuare formazione permanente gratuita;
  • la possibilità di avere del personale specializzato durante il percorso.

Cosa ci aspettiamo:

  • serietà e senso di responsabilità verso la mission associativa;
  • rispetto per la propria e l’altrui persona, nonché per gli enti ospitanti;
  • accettazione di ogni singolo essere umano;
  • attivazione della riflessione critica sul proprio operato;
  • introspezione personale;
  • confronto e condivisione con il “gruppo di lavoro”;
  • essere in grado di preparare le attività in autonomia;
  • sviluppo del senso di appartenenza all’interno dell’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore”, erogatrice della formazione;
  • proseguo come volontario attivo all’interno dell’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore”;
  • riservatezza in merito alle situazioni e ai dati sensibili di cui si potrà venire a conoscenza nel corso delle attività.

A chi è rivolto:

  • personale sanitario
  • studenti delle scuole superiori a partire dai 16 anni di età
  • studenti universitari
  • specializzandi di medicina
  • laureandi
  • tirocinanti
  • volontari e operatori dell’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore”
  • chi dai 16 anni di età ha intenzione di mettersi in gioco.

Si stilerà una graduatoria ai fini dell’ammissione al corso.

Verrà effettuato un colloquio conoscitivo.

Gli idonei dovranno versare un piccolo contributo per il materiale didattico e la divisa.

Massimo n. 15 partecipanti.

Per informazioni ulteriori e iscrizione inviare una e-mail all’indirizzo di posta elettronica: info@dirittideiminori.it oppure inviare un messaggio WhatsApp al numero 393. 169 2898

Categorie
Testimonianze D'Amore 2022

Cena Solidale per il progetto “Ospedale Allegro”

L’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” ha organizzato una cena solidale.

Con la straordinaria partecipazione del clownterapeuta Pascal Slava.

Per martedì 20 settembre 2022, l’associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” ha organizzato una cena solidale al Lido Ulisse sito a Squillace Lido (prov. CZ). Il ricavato andrà a sostenere il progetto “Ospedale Allegro” attivo, da oltre dieci anni, in pediatria, chirurgia pediatrica ed ematoncologia pediatrica dell’Azienda Ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” della città di Catanzaro. Come si legge in una nota: “Per voi una serata diversa, che per noi dell’associazione, può fare la differenza e permetterci di continuare, ampliare e migliorare il nostro progetto “Ospedale Allegro”. Per la cittadinanza tutta anche l’occasione di conoscerci e in qualche modo comprendere e toccare con mano ciò che portiamo avanti dal 1985.” Il 20 settembre ognuno può fare la differenza per i minori ricoverati partecipando alla cena solidale. Per informazioni e prenotazioni chiamare al 3931692898 oppure scrivere all’indirizzo di posta elettronica info@dirittideiminori.it

Categorie
News

Come ci puoi aiutare

L’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” è attiva in Catanzaro dal 1985 e le sue azioni sono finalizzate alla tutela e alla difesa dei diritti del minore. A tal fine l’Associazione cerca di venire incontro ai bisogni espressi e inespressi dei minori e delle famiglie con servizi, attività progettuali, incontri, manifestazioni pubbliche e collaborazioni con enti pubblici e privati presenti sul territorio.

Come ci puoi aiutare?

  • Dona e fai donare il 5×1000 ad associazione Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore. Di seguito il nostro C.F. 9 7 0 0 6 9 3 0 7 9 2 Il 5×1000 è una quota dell’imposta IRPEF – conosciuta anche come “imposta sul reddito” – che lo Stato ripartisce tra enti del terzo settore che svolgono attività di interesse sociale. Al momento della dichiarazione dei redditi, si può scegliere di devolvere o meno questa quota: il contributo è quindi del tutto spontaneo da parte del cittadino. Destinare il 5×1000, non comporta oneri aggiuntivi, dato che il contribuente che compila la dichiarazione è in ogni caso tenuto a pagare l’IRPEF. Questa quota viene trattenuta dallo Stato ugualmente, ma devolvendo consapevolmente il 5 per mille, il cittadino compie una donazione senza alcun costo o aggravio fiscale.
  • Diventa socio volontario. L’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” sita in Catanzaro alla via XX Settembre n. 26 (di fronte il Wasabi) apre le porte ad animatori volontari. Se hai un’età compresa tra i 16 e i 30 anni e hai voglia di respirare aria di festa ogni giorno, di metterti in gioco, imparare e relazionarti con nuove realtà presenta subito la tua candidatura chiamando al 393.1692898 oppure invia una e-mail su info@dirittideiminori.it

Scegli le nostre bomboniere solidali per rendere i tuoi eventi speciali ancor più meravigliosi e indimenticabili. Con una piccola donazione a partire da € 2,50 contribuirai a sostenere i nostri progetti.

Ricorda i tuoi cari che non ci sono più con un’offerta alla memoria.

  • Partecipa alle nostre raccolte fondi.
  • Offri la tua consulenza professionale a servizio dei nostri bambini e delle nostre famiglie.
Categorie
Fondazione Pina Gigliotti News

“Continuiamo ad Amare”, una iniziativa per premiare chi tutela i più deboli.

L’associazione Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore insieme alla Fondazione Pina Gigliotti rende omaggio ai suoi soci più caparbi e attivi.

Il Presidente dell’associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” Daniela Fulciniti

Nella giornata del 35° Anniversario dalla sua costituzione, l’associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” della città di Catanzaro nella parrocchia di San Pio X, si è fatta promotrice dell’iniziativa “Continuiamo ad Amare”, nel corso della quale si sono voluti ricordare alcuni soci e premiare dei giovani che si sono distinti per la loro tenacia e caparbietà. Si sono voluti ricordare i soci – alcuni fondatori –  “per aver deciso di mettervi in azione per dar voce a chi soffriva nella nostra città attraverso un’associazione dal nome altisonante “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” che richiamava la sua mission tutelare i diritti dei più deboli. E così senza alcun timore, avete creato una squadra eccezionale: avvocati, insegnanti, dottori a servizio della nostra comunità denunciando ai servizi sociali del Territorio molti casi di disagio registrando, per molti di essi, un lieto fine.

L’insegnate e socia volontaria dell’associazione Carlotta Grisolia, premia per il Diritto alla Famiglia.

Famiglie dalle baracche di lamiera a una decente sistemazione, minori maltrattati, abusati avviati in istituto o a case famiglie, inadempienti all’obbligo scolastico iscritti o riportati a frequentare, bambini mai vaccinati accompagnati alle Asl per la profilassi. […] Si è dato il via a 346 progetti sperimentali a sostegno di minori e famiglie intervenendo sul sostegno alla genitorialità, sul tempo libero, sulla scuola, sulla salute come “Ospedale Allegro” che va avanti da ormai 20 anni coinvolgendo nella sua mission stare accanto a bambini e famiglie ricoverate nei reparti pediatrici dell’Azienda Ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro, nuove leve di giovani volontari, mettendo in pratica il vecchio proverbio l’unione fa la forza.” (dalla lettera in ricordo dei soci dell’associazione Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore).

Luigi Bullotta Consigliere della Fondazione “Pina Gigliotti” premia per il diritto allo studio la studentessa Gioia Prudente dell’I.C. Pascoli-Aldisio.

In questi 35 anni di attività, l’associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore”, ha modificato il suo modo di operare, mantenendo però sempre fede alla tutela e al benessere del prossimo. Negli anni, dalla povertà alimentare, abitativa e materiale si è passati a fronteggiare anche quelle che possiamo definire come “nuove forme di disagio” quali: mancanza di relazioni sociali, di ascolto, di sostegno psicologico e sociale, di supporto affettivo e morale, di figure adulte di riferimento per le giovani generazioni. Di fatto, nei giorni di martedì e venerdì mattina dalle ore 9:30 alle ore 12:00 l’associazione nella sede operativa, sita in via XX Settembre n, 26 offre – previo appuntamento chiamando al numero 0961.727272 –  tutti questi servizi. Nel corso dell’evento “Continuiamo ad Amare” l’associazione ha voluto dare risalto a quei diritti in cui crede e che continua a difendere, facendo emergere la bellezza della vita e della forza della resilienza quando le persone si sentono sostenute, supportate e incoraggiate ma non forzate, sempre avendo rispetto dei tempi, dei desideri e delle potenzialità di ciascuno. Per il diritto alla famiglia, abbiamo voluto premiare n. 4 famiglie di alunni dell’I.C. “Manzoni” per le bellissime testimonianze che ci hanno riportato durante il primo lockdown, partecipando a un concorso “Per riscoprire la bellezza di essere famiglia” indetto dalla suddetta associazione con il contributo della Camera di Commercio di Catanzaro.

Federico Bonacci socio dell’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” premia per il diritto allo studio la studentessa Fatima Ezzahra Syaf dell’ITAS “Chimirri”.

L’obiettivo dell’iniziativa era sensibilizzare le famiglie a guardare al periodo di isolamento come un’opportunità per dialogare di più con i figli, ascoltarsi reciprocamente e dunque riappropriarsi di quelle relazioni affettive importanti un po’ trascurate per la frenesia della quotidianità. Per il diritto allo studio, la Fondazione Pina Gigliotti ha voluto premiare una studentessa del’I.C. “Pascoli-Aldisio” per aver dimostrato grande senso di responsabilità, diligenza e puntualità nell’impegno scolastico, nonché curiosità nell’apprendimento e per la sua generosità nel condividere il sapere con i compagni che hanno difficoltà. L’associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” ha voluto premiare due studentesse di origine straniera dell’ITAS “Chimirri” e dell’ITC “Grimaldi Pacioli” per aver affrontato con coraggio e determinazione le difficoltà incontrate nel loro cammino e aver dimostrato un’ardente tenacia e forza di volontà nello studio e nell’amare la cultura.

Federico Bonacci socio dell’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” premia per il diritto allo studio la studentessa Manal Azri dell’ITC “Grimaldi Pacioli”.

Per il diritto al tempo libero l’associazione ha creato il premio “Il sorriso di Aurora” in ricordo della piccola Aurora, nonostante la sua breve esistenza è stata esempio di generosità, forza, speranza e dignità. Con  “Il sorriso di Aurora” abbiamo voluto premiare un giovane combattente del reparto di ematoncologia pediatrica dell’A.O. “Pugliese-Ciaccio”, perché la sua forza e la sua positività straordinarie riescono a contagiare chi gli sta intorno. Infine, grazie al contributo del Bar Anna ’70, con il quale abbiamo già collaborato quest’estate, offrendo ogni pomeriggio la merenda ai bambini che hanno frequentato le attività del nostro centro estivo, abbiamo dato un ulteriore premio a una bambina di origine straniera che si è distinta nel corso delle attività, per la sua determinazione e le idee chiare su che tipo di persona vuole essere e diventare da grande.

Questi premi per noi significano speranza! È vero, nel mondo e maggiormente in questo periodo di pandemia ci sono dolori, sofferenze e diritti negati, ma noi vogliamo premiare la resilienza di queste giovani generazioni e siamo pronti a supportarli e sostenerli ogni qualvolta ne abbiano bisogno. Crediamo fermamente nella nostra mission e crediamo fortemente negli esseri umani! Fin quando ci sarà qualcuno che versa in uno stato di bisogno, qualsiasi tipo di bisogno esso sia, l’associazione interverrà!

Un grazie speciale a Don Franco Isabello, attuale parroco della parrocchia San Pio X non solo per averci ospitato, ma per aver gettato il seme buono che ha fatto nascere 35 anni fa l’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore”.

Miriam Azzurra Tolomeo, educatrice professionale sociale e socia volontaria dell’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” consegna il premio “Il sorriso di Aurora” alla psicologa Sara Granato, psicologa dell’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” che lo consegnerà al vincitore.
Miriam Azzurra Tolomeo, educatrice professionale sociale e socia volontaria dell’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” consegna il premio offerto dal “Bar Anna ‘70” a Rosa Scalise socia volonrìtaria dell’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” che lo consegnerà alla vincitrice.
Categorie
Formazione continua News

L’associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” invita i cittadini a una meravigliosa avventura solidale

Essere volontario dell’associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” significa – anzittutto – mettersi in gioco in diversi contesti, perché è in diversi contesti che agisce l’associazione, occupandosi: dei minori ospedalizzati, dei minori in messa alla prova, dei minori che hanno difficoltà scolastiche, delle mamme che hanno voglia di riscattarsi. Significa fare una costante introspezione, perché è necessario essere privi di ogni forma di pregiudizi, giudizi e discrimazioni. Significa allenarsi all’empatia, alla compresione, all’ascolto. In poche parole significa aiutare l’altro sì, ma migliorare sé stessi! Ovviamente non si viene lasciati soli in questo cammino e in questa crescita, ma l’associazione mette a dispozione di ciascun volontario – gratuitamente – una professionista psicologa che si occupa della formazione mensile. In questi ultimi mesi sono stati trattati diversi argomenti, ne vediamo brevemente alcuni.

  • I bisogni del bambino/ragazzo ospedalizzato e l’importanza dell’empatia. Come si può interagire con il minore? Attraverso un dialogo co-costruito con lo stesso, l’ascolto attivo e l’utilizzo del suo linguaggio.
  • La Comunicazione. L’associazione funge da facilitatore della comunicazione anche attraverso lavoretti che il minore realizza insieme al volontario e regala all’altro (genitori, personale sanitario, ecc.). È necessario cercare di creare un ponte con il mondo interno del bambino/ragazzo: costruire storie, ascoltare musica, simulate.
  • La Motivazione. Sorge nel momento in cui la persona si pone degli obiettivi, in quanto l’individuo si percepisce in base a: un compito o attività da svolgere; risultato positivo o negativo di un’azione effettuata.

Se hai intenzione di utilizzare il tuo tempo in modo costruttivo, impegnandoti in qualcosa che possa accrescere la tua persona e portare beneficio ad altri, non indugiare! Contattaci! Manda una e-mail su info@dirittideiminori.it o passa direttamente a trovarci in via XX Settembre, n. 26 (di fronte il Wasabi).

Categorie
Bomboniere Solidali

Sostieni la nostra mission attraverso l’acquisto delle nostre bomboniere solidali

L’Associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” nata a Catanzaro nel 1985, per sostenere il suo vasto programma autofinanziato di attività a sostegno di persone fragili rivolge un appello a chi si appresta a festeggiare un evento importante: matrimonio, nozze d’argento, nozze d’oro, cresima, comunione, laurea, nascita, compleanni chiedendo loro di sostenerci attraverso l’acquisto delle nostre bomboniere solidali.

La nostra mission.

Attività e servizi che non si arrestano mai, ma proseguono per 365 giorni. Un grande impegno e una grande responsabilità prese per dare sostegno e supporto a tutti coloro che non hanno una speranza e che, grazie alla dedizione giornaliera dell’Associazione, possono programmare un futuro più sorridente e più roseo.

  • Laboratori formativi
  • Ospedale Allegro
  • Centro vaccinale “Ciaccio”

Dall’Associazione transitano tante persone, di nazionalità e culture diverse, portatori di bisogni e speranze molteplici e differenti. Ma tutti hanno in comune la necessità di ricevere una mano tesa, amore, ascolto e sostegno. Oppure di essere accompagnati in un percorso di rinascita. Dai minori in degenza, ai minori in sede, alle loro famiglie per noi sono tutti esseri umani con un nome, un cognome e una storia. Portatori non solo di necessità, ma anche di qualcosa da insegnare e donare. Poi ci sono gli operatori, i volontari, i tirocinanti, gli studenti in Alternanza “Scuola Lavoro” ognuno con delle potenzialità che permettono di scrivere“bellissime pagine di storie di solidarietà”

  • Un cantiere per costruire il nostro futuro
  • Centro estivo “Il tappeto volante”
  • Bottega dell’Arcobaleno

L’associazione “Tribunale per la Difesa dei Diritti del Minore” della città di Catanzaro il cui Presidente è Daniela Fulciniti, anche in questo tempo di pandemia,  non si è mai fermata sostenendo – con una serie di progetti – mamme, minori e giovani sia nella sede operativa e nei reparti pediatrici dell’Azienda Ospedaliera “Pugliese – Ciaccio”, sia con specifici protocolli operativi, in collaborazione con il Comune di Catanzaro, il Ministero della Giustizia e Università locali. Tra i principali progetti:

  • “Ospedale Allegro” presente dal 2000 nei reparti di Pediatria, Chirurgia Pediatrica ed Ematoncologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera “Pugliese – Ciaccio”, finalizzato a rasserenare e sostenere il minore ospedalizzato all’ingresso nel luogo di cura e durante la sua permanenza. Esso prevede il coinvolgimento ludico e ricreativo offerto da operatori e volontari adeguatamente formati, nonché il supporto psicologico garantito da figure professionali. A causa dello stato di emergenza Covid-19, il servizio prestato è stato rimodulato per gli intervenuti motivi di prevenzione e sicurezza da Covid-19. In particolare, si è risposto alle esigenze manifestate dal responsabile del reparto di ematoncologia pediatrica volto a garantire la costante presenza della Psicologa. La mission della psicologa nel reparto di ematoncologia è proprio di promuovere il benessere psicologico, sociale, spirituale dei pazienti e delle loro famiglie.
  • “Bottega dell’Arcobaleno” nata nel 2020 vede coinvolte alcune mamme straniere dei bambini che frequentano la sede operativa insieme ad altre mamme italiane. Ha lo scopo di offrire alle destinatarie del progetto  l’opportunità di gestire il proprio tempo in modo costruttivo. Nasce dalla volontà dell’associazione di non fermarsi all’assistenzialismo spicciolo, ma in qualche modo ridare dignità alle partecipanti favorendo la loro integrazione sociale e lavorativa. Le attività sono di natura artistico – manuale, viene lavorata l’argilla e creati oggetti artigianali che vengono poi esposti e venduti. Le mamme sono seguite da professionisti artigiani, operatori, mediatore culturale e volontari.
  • “Un cantiere per costruire il nostro futuro” è nato nell’anno 2020, in occasione della “Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza”, è rivolto agli studenti in Alternanza Scuola-Lavoro di alcuni Istituti di Istruzione Superiore della città di Catanzaro. L’obiettivo è stato la creazione di un vero e proprio “cantiere” in cui gli adolescenti – seguiti da un équipe formata da professioniste psicologhe – possano ricevere ascolto, sostegno e supporto, coinvolgendoli in un percorso rivolto alla scoperta di sé stessi, alla conoscenza e fiducia nelle proprie capacità e nell’accettazione dei propri limiti. 
  • Laboratori formativi presso la sede operativa sita in Via XX Settembre: sono attività educative rivolte a bambini di età compresa tra 5 e 14 anni. Gli educatori, gli operatori e i volontari adeguatamente formati svolgono laboratori per insegnare ai bambini competenze relative al linguaggio, alle conoscenze numeriche, alla lingua inglese, all’educazione alimentare, alla conoscenza e controllo delle emozioni, al rispetto di sé e dell’altro, all’integrazione di tutte le diversità. I laboratori sono attivi per tutto l’anno, anche in estate, in particolare a sostegno dei bambini che, per motivi economici non possono raggiungere i luoghi di villeggiatura.

L’Associazione ha tanta voglia di continuare a spendersi per l’altro, non solo proseguendo il suo operato, ma migliorandolo.Ecco perché CONFIDIAMO NEL VOSTRO AIUTO!

Alcune proposte di bomboniere solidali:

Linea Green
Linea Scatoline
Categorie
Ospedale Allegro Progetti

Progetto “Ospedale Allegro”. La testimonianza di Ilenia.

Categorie
News

Settimana dedicata alla Giornata internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

In occasione della Giornata internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza abbiamo dato voce ai protagonisti dei nostri progetti: bambini, adolescenti e mamme.

Il treno dei Diritti dei Bambini realizzato nei reparti Pediatrici dell’A.O. “Pugliese-Ciaccio” della città di Catanzaro grazie al supporto di medici e infermieri.
Peppa Pig insieme ai nostri volontari e le studentesse in Alternanza Scuola-Lavoro dell’Istituto di Istruzione Superiore “De Nobili” di Catanzaro hanno regalato momenti di gioia e spensieratezza ai piccoli degenti dei reparti pediatrici dell’A.O. “Pugliese-Ciaccio” della città di Catanzaro.
Alcuni disegni realizzati dai minori ricoverati nei reparti pediatrici dell’A.O. “Pugliese-Ciaccio” della città di Catanzaro.
Il ringraziamento del piccolo Francesco ai Medici e agli Infermieri che riescono a concedere anche momenti di gioco.
Il Treno dei Diritti realizzato dai bambini che frequentano la nostra sede operativa.
Nella nostra sede operativa i bambini hanno appreso i loro diritti attraverso il gioco.
Ha avuto nuovo avvio il progetto “Un cantiere per costruire il nostro futuro”. Riprendendo il percorso già avviato lo scorso anno con gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “De Nobili” ci si è confrontati sulla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e l’adolescenza. Gli studenti hanno definito l’ascolto come la base di ogni diritto!
Anche con le nostre mamme che fanno parte del progetto “Bottega dell’Arcobaleno” ci si è confrontati sul tema dei diritti.
Categorie
Bomboniere Solidali

Bomboniere Solidali

Puoi rendere le tue ricorrenze più uniche e significative scegliendo una bomboniera solidale. Il ricavato andrà a finanziare i nostri progetti.